Tombolato Cittadella
 
ernesto a cura di Ernesto Pescatore
 

Cittadella e Cosenza si sono incontrante in Veneto solo tre volte: bilancio in favore dei granata con due vittorie ed una sconfitta.

Il primo incontro nel campionato di serie B 2000/2001, alla ventinovesima giornata. La partita, prevista per il 1° aprile, è anticipata a venerdì 30 marzo e trasmessa in diretta su Stream. Il Cosenza vince la “battaglia” dell’“Euganeo” di Padova ed irrompe in piena zona promozione. Le squadre fanno il loro ingresso in campo sotto il diluvio alle 20.45. Ci sono molti dubbi sull’effettuazione del confronto, la pioggia non dà tregua da oltre 24 ore e lo stadio è pressoché deserto, ma ogni tanto si avvertono i cori dei coraggiosi 100 fan rossoblù al seguito. Al 59' il Cosenza passa: Strada cerca spazio ed è atterrato da Giacomin, un fallo inutile quanto ingenuo, l’arbitro indica il dischetto. Zampagna calcia con il destro, Capecchi intuisce e respinge, lo stesso Zampagna riprende e conclude di sinistro, il portiere si oppone ancora ma non riesce a bloccare e la palla rotola lentamente oltre la linea fatale.

Il secondo incontro nella stagione seguente, alla ventesima giornata, il 13 gennaio. Successo prezioso in chiave-salvezza per il Cittadella, che supera nettamente i “lupi”. Il Cosenza sceglie una fredda giornata di sole, nel secco inverno padovano, per dare il commiato alle ultime speranze di promozione: i silani escono da un “Euganeo” desolatamente vuoto con una pesante sconfitta sulle spalle e, purtroppo, anche con la certezza di essere squadra ormai spenta. Di questo sembra essersi accorto lo stesso Mondonico che, a dispetto delle sue considerazioni, lascia intendere che la serie A è lontana come non mai e che lo sguardo dei calabresi, da oggi, deve essere rivolto anche alle parti basse della classifica. In avvio di ripresa, al 48', brivido per il Cittadella: dalla destra, Edusei in velocità lascia partire un tiro-cross, la palla scheggia la parte alta della traversa e poi torna in campo. Trascorrono alcuni minuti ed il Cittadella trova il meritato vantaggio: al 53' cross di Ferrarese dalla destra sul secondo palo, Mazzoleni si coordina perfettamente in corsa ed al volo di destro insacca un diagonale alla sinistra di Micillo, rimasto impietrito. Mondonico tenta il tutto per tutto: dentro Tatti e Antonelli per Apa e Modesto; i “lupi” si portano dissennatamente verso la porta avversaria, lasciando una difesa a tratti imbarazzante in balia dei quattro attaccanti disposti dal Cittadella. La rete del raddoppio non può dunque tardare ed al 70' l’incontro può dirsi chiuso: Ghirardello gira un pallone verso Sturba che trascura l’irrisoria marcatura di un Paschetta mai così frastornato, anticipa con felina tempestività l’uscita di Micillo e deposita in rete il pallone del 2-0.

Nello scorso campionato, il 15 settembre, alla terza giornata, il secondo ko per i lupi. Il Cittadella fatica parecchio nell’avere la meglio sul Cosenza, a scardinare la sua retroguardia che regge per oltre un’ora di gioco senza rischiare granché. La differenza l’ha fatta l’ingresso in campo di Branca, che in tandem con Benedetti sulla corsia di sinistra manda in tilt la difesa ospite, praticamente inattaccabile invece per tutto il primo tempo. La squadra di Braglia disputa una gara sostanzialmente attendista, resta molto coperta a protezione degli ultimi metri, e il Cittadella, specie nella prima frazione, non riesce quasi mai a trovare lo spazio giusto per portarsi alla conclusione, nemmeno sfruttando la verve di Settembrini, ben supportato sulla corsia esterna da Ghiringhelli. Al 65' l’episodio che sblocca l’incontro: Benedetti serve Branca che entra in area palla al piede, prima di essere spinto alle spalle da Corsi quando è quasi a fondo campo. Rigore e trasformazione nell’angolino di capitan Iori. Il Cosenza prova a cambiare marcia, alzando il baricentro per cercare di rimettere in sesto il risultato: Braglia manda in campo anche Di Piazza per aumentare la pericolosità del suo attacco, e proprio quest’ultimo, al 78', lanciato da Mungo salta pure Paleari in disperata uscita ma calcia sull’esterno della rete. E’ la più ghiotta occasione avuta dal Cosenza, con la difesa di casa che questa volta si è fatta trovare impreparata. Il Cittadella, scampato il pericolo, fa sua la gara all’81': Iori calcia dal limite, il pallone finisce sul braccio dell’ex Pascali e l’arbitro Marini concede il secondo penalty ai padroni di casa. Dal dischetto Iori cambia angolo spiazzando questa volta Saracco. Il Cosenza potrebbe riaprire il match all’84' ma la rete segnata da Tutino viene annullata per un fuorigioco che i filmati smentiranno.
 

L'ANALISI DEI NUMERI

IL COSENZA IN CAMPIONATO

 PARTITE GIOCATE
  2 8 7  0
 PARTITE VINTE   1 0 7 9
 PARTITE PAREGGIATE   0 9 0 5
 PARTITE PERSE   0 8 8 6
 RETI FATTE
  3 3 1 3
 RETI SUBITE   3 0 1 8
 

DALL'ARCHIVIO FOTOGRAFICO

  • visita la pagina
  • visita la pagina
  • visita la pagina
  • visita la pagina
  • visita la pagina
  • visita la pagina
  • visita la pagina

MERCATO

MERCATO ESTIVO SERIE B

NOTIZIE DA ... ASCOLI

Bandiera Ascoli

PROSSIMO TURNO

Ascoli logo Cosenza logo
ASCOLI COSENZA

Domenica 24 novembre 2019 - ore 15:00
Serie B - 13giornata

ULTIMO TURNO

Trapani logo

2 - 2

Cosenza logo

TRAPANI
  COSENZA

Domenica 10 novembre  2019 - ore 15:00
Serie B - 12a giornata

ULTIMI RISULTATI

CLASSIFICA